testata

English Francais

Home Contatti Links

 

Basilicata_Future Today
 

Open Days Matera

Open Days

Investors cafè

Cohesion Instruments

Europe in my region

 

 

Tecnologie spaziali Automotive e meccanica avanzata Agrobiotech Energia
Ambiente Alta formazione Protezione civile Sanità in rete
Tecnologie spaziali

 

Il settore delle tecnologie spaziali in Basilicata è in grado di contribuire alla modernizzazione del processo economico per le seguenti ragioni: alta percentuale di giovani in possesso di lauree in materie tecnologiche e più di 1000 persone che lavorano nel settore delle tecnologie spaziali (centri di ricerca universitari e pubblici, grandi compagnie, gruppi di elaborazione PMI e enti pubblici)

I. Centri pubblici e universitari di ricerca

 

1. ASI - Agenzia Spaziale Italiana - www.asi.it

Promuove e coordina le ricerche spaziali italiane e le attività tecnologiche. Il Centro di Geodesia Spaziale (CGS), aperto a Matera nel 1983 grazie allo sforzo congiunto del CNR (con il Piano Nazionale Spaziale), della Regione Basilicata e della NASA, è una struttura di 5000 m² dove oggi lavorano un centinaio di persone e dispone di un budget annuale di circa 10 milioni di Euro. Il centro è particolarmente impegnato nell'osservazione della terra attraverso tecnologie spaziali avanzate (geodesia spaziale e rilevazioni remote) e metodologie d'osservazione (telemetria laser satellitare geodetica o SLR, radio-interferometro su lunga base o VLBI, localizzazione GPS, tracciamento orbitale PRARE). Il CGS ha recentemente trattato altri campi, in modo particolare la tecnologia robotica e le missioni interplanetarie. Il centro, che fa parte dei Servizi Internazionali di Ranging Laser, ha messo a punto il sistema COSMO-SkyMed (una costellazione di quattro satelliti che utilizzano un radar ad alta risoluzione per osservare la Terra giorno e notte, indipendentemente dalle condizioni del tempo, per uso civile e militare) in collaborazione con il Ministero Italiano della Difesa


2. CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche - www.cnr.it - www.imaa.cnr.it

È uno dei più importanti centri pubblici italiani di ricerca. Si articola in 11 dipartimenti e una rete di istituti distribuiti su tutto territorio italiano. Uno di questi istituti, il CNR-IMAA (Istituto di Metodologie di Analisi Ambientale) si trova a Tito, un'area industriale presso Potenza. L'attività scientifica dell'IMAA si concentra sull'osservazione terra, creazione di tecnologie avanzate (rilevazioni in sito e remote) per il monitoraggio ambientale e metodologie integrate per la pianificazione ambientale. In Basilicata sono presenti altre due sezioni di istituti nazionali CNR (IBAM - Istituto per i Beni Architettonici Monumentali e IMIP - Istituto di Metodologie Inorganiche e dei Plasmi).

 

3. ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente - www.enea.it

È un'azienda pubblica che opera nel settore dell'energia, ambiente e nuove tecnologie per facilitare la competitività e lo sviluppo sostenibile. Il centro di ricerche ENEA Trisaia è situato in Basilicata (Rotondella) e si occupa di attività che vanno dallo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile (biomassa e termosolare), tecnologie di trattamento dei rifiuti liquidi e solidi a servizi tecnici e scientifici avanzati per l'innovazione e la qualità nell'agricoltura e nell'industria. Il centro ospita alcuni Consorzi di ricerca per il trasferimento di innovazione alle PMI.

 

4. UNIVERSITÀ DI BASILICATA - www.unibas.it

Dal 1983 dà inizio all'attività di ricerca e formazione. É situata a Potenza e a Matera. L'Università è articolata in 7 facoltà (Ingegneria, Agraria, Lettere, Scienze Naturali, Economia, Farmacia, Scienze Pedagogiche), 12 dipartimenti e molti dottorati. Due dipartimenti della facoltà di ingegneria sono particolarmente attivi sull'Osservazione della Terra e sulla prevenzione e attenuazione dei rischi naturali.

 

5. RELUIS - Rete di Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica - www.reluis.it

È un consorzio inter-universitario che coordina più di 100 laboratori di Ingegneria Sismica. Le principali attività sono finalizzate a supportare la ricerca applicata che opera nel campo dell'attenuazione del rischio sismico.

 

II. Grandi società e PMI

 

1. TELESPAZIO s.p.a. - www.telespazio.it

La società in partecipazione Telespazio Finmeccanica (67%) e Alcatel (33%) è una grande compagnia che riveste un ruolo di primo piano nei mercati di riferimento grazie alla sua lunga esperienza nella gestione e navigazione satellitare, telecomunicazioni multimediali a banda larga, servizi di osservazione della Terra. Si occupa anche di programmi spaziali europei (Galileo e Cosmo-SkyMed).

 

2. E-GEOS - www.e-geos.it

La società in partecipazione, fondata dall'Azienda Spaziale Italiana e Telespazio (Finmeccanica/Thales), lancerà sul mercato mondiale i prodotti applicativi del Cosmo-SkyMed, il sistema satellitare per l'osservazione della terra. La compagnia, con sede a Roma e Matera, mira a diventare leader globale nel settore dell'informazione geo-spaziale, offrendo soluzioni, contenuti e servizi basati su dati radar (SAR) e ad alta risoluzione (VHR).

 

2. Consorzio CREATEC - www.createc.basilicata.it

É un'associazione di 20 piccole e medie imprese situata in Basilicata e costituita da 500 unità lavorative e con un fatturato aziendale annuo pari a 45 milioni di euro. Mira allo sviluppo di servizi innovativi per i consumatori con particolare attenzione all'ICT, ambiente, spazio e sicurezza.

 

III. Gruppi di elaborazione

 

1. Consorzio TeRN – www.tern.it

Vuole realizzare in Basilicata un distretto tecnologico relativo al campo dell'osservazione della terra e dei pericoli naturali. Le principali attività sono indirizzate allo sviluppo e all'integrazione di tecnologie per l'osservazione della terra (attraverso basi terrestri, aeromobili e satellitari al fine di monitorare, prevedere e impedire i rischi naturali), allo sviluppo di tecnologie innovative per la salvaguardia del patrimonio architettonico e per controllare lo stato di degrado degli edifici civili nelle aree interessate da alto rischio sismico e idrogeologico (con particolare interesse per le tecniche non-distruttive di diagnosi strutturale), all'impiego di tecnologie ICT e GRID per la condivisione dei dati e la loro gestione in sistemi interagenti nell'Osservazione della Terra. I partners TeRN (ARPAB, CNR-IMAA, RELUIS, Telespazio S.pA. e CREATEC) sono ampiamente coinvolti nei Programmi Strutturali Europei (FP6, FP7, GMES e ESA).

 

2. IMPRESAMBIENTE s.c. a r. l. - www.cct-impresambiente.com

Rete di centri universitari, di ricerca, PMI e grandi compagnie del Sud Italia. La rete è costituita da 6 Nodi Regionali: la Basilicata (nodo principale), la Calabria, la Campania, la Puglia, la Sardegna e la Sicilia. Le principali attività si concentrano sulla distribuzione tecnologica e innovativa nel campo del rischio ambientale, interazione tra Ricerca e Impresa, Informazione e Formazione di Imprese e Pubbliche Amministrazioni nel campo del rischio ambientale.

 

IV. Enti Pubblici

 

1. ARPAB – Azienda Regionale per la Tutela dell’Ambiente in Basilicata - www.arpab.it

Le principali attività portate avanti dall'ARPAB sono sintetizzate nello sviluppo di metodologie mirate alla gestione dei dati ambientali, promozione della sostenibilità ambientale, controllo delle cause di impatto ambientale causato dall'intervento umano, monitoraggio dello stato dell'ambiente dai livelli qualitativi di matrici differenti (acqua, aria, suolo, …), supporto tecnico all'Amministrazione Pubblica per migliorare lo stato dell'ambiente, interazione con le Aziende Regionali e Nazionali per l'Ambiente nel monitoraggio della qualità dell'aria e risorse naturali.

 

 

SCARICA LA SCHEDA IN FORMATO PDF

 

 

   Guarda lo spot

 

footer

con la collaborazione di

Europe Direct

 

Regione Basilicata Commissione Europea POR Basilicata POR Basilicata - www.giovani.basilicata.it